Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2014

Pensa te … l’ultima volta che ho scritto su questo blog non ero nemmeno incinta. Stavo ancora abituandomi a Serena, alla mia vita in Trentino, stavo organizzando una vita non più scandita dalle poppate … e domani avrai già 5 mesi! …

Non credevo di poter avere la fortuna di avere figli, poi, dopo 8 anni, arriva Serena. Con una statistica simile non avremmo mai e poi mai neanche lontanamente immaginato di avere un altro bebè, e nella improbabile eventualità non credevamo di avere un’altra bambina e invece ecco Maya!

A 23 mesi di distanza una dall’altra. Una pazzia, se fosse stato programmato! Essere incinta e avere una bimba di meno di un anno e mezzo da accudire non ha nulla da invidiare ad un allenamento per il Triathlon!

Lo ammetto sapere di essere incinta mi ha, a dir poco, shockata. Ero senza parole. Ho avuto una Paura matta che mi è scoppiata dentro in un attimo. Avevo avuto degli avvertimenti … ma ne riparlerò in un altro articolo. Non ho pensato nemmeno per un attimo di abortire. Semplicemente non ce la potevo fare nemmeno a pensarci. Ma lui senza lavoro, io già non trovavo lavoro figuriamoci incinta! Sono andata nel panico. Non riuscivo a non piangere. Sentivo un profondo senso di colpa di cui, ancora adesso, non so spiegare l’origine. Se poi mettiamo in conto che l’idea di partorire di nuovo mi terrorizzava (e mi terrorizza ancora!!!), ero un calderone di ormoni, pensieri ed emozioni sovraccariche. Grazie a Dio c’era Christian vicino a me. A lui ho potuto dire tutto quello che c’era nel mio cuore e nella mia testa. Ho condiviso con lui il peso che avevo dentro e grazie a lui sono riuscita a Vedere, un po’ alla volta, con pazienza, assenza di giudizio e Amore che Regalo ci stava facendo la Vita.

Questo 2013 è stato un anno pieno di avvenimenti e cambiamenti radicali nella mia vita e il fatto è che ho la netta sensazione che il 2014 non sarà da meno.

Alla prima ecografia “consapevole” ero emozionata perché la domenica avevo parlato con mia nonna materna (dalla lontana Venezuela) e le avevo detto che il martedì avrei fatto l’ecografia e che probabilmente si sarebbe vista abbastanza bene, quindi che si preparasse che avremmo fatto una bella video chiamata nel pomeriggio.

Esco dall’ospedale e trovo diverse chiamate di una mia cugina sullo Skype di Christian. Non riusciamo subito a comunicare, finché riesco a parlarle e mi dice: “Bianca, mira que la abuela Hulda muriò” (“guarda che la nonna Hulda è morta”) …

Il 19 febbraio 2013 ho visto per la prima volta la forma di mia figlia e ho perso mia nonna.

Per motivi che lasciamo perdere, il lavoro ci ha fatto tornare in Campania dalla famiglia d’origine. Una scelta per niente facile, ma accurata e senza rimpianti. Il Trentino lo porterò per sempre nel mio cuore. Sono stata davvero Bene là. Mi manca tanto, lo ammetto.
Ma sto bene anche qui a Teggiano. Le mie bambine sono circondate da nonni, parenti, amici, cugini … bellissimo! E anche noi, dopo tanti anni stiamo facendo “vita sociale” con famiglia e amici ritrovati 🙂

… Uau, ci sono fin troppe cose da raccontare di questo 2013. Fermiamoci qui altrimenti queste ore che le mie bimbe mi hanno regalato per riposare le potrei passare tutte qui sopra!

Grazie!
Grazie! Grazie, a tutti quelli che ci sono stati, che ci sono e continuano ad esserci nelle nostre pazze vite!
Grazie a tutti quelli che hanno partecipato e a tutto ciò che ha partecipato.
Che cambiamenti… Uau!

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: