Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Maya’ Category

do-what-you-love

Passare un’ora e mezza tra pigiamini, dentini, capelli, pannolini, balletti buffi, cartoni, storie, libri, coccole e canzoncine della buona notte…

Io sono esattamente dove voglio essere.

Questo è quello che ho sognato da sempre e che ho sperato con ogni cellula del mio corpo di poter avere per 8 (quasi 9) lunghissimi anni della mia vita. Capisco che altre persone vogliano altro dalla vita, che abbiano altri gusti, altre aspirazioni; ebbene questa è la Mia per questo momento della mia vita.

Io sono Felice. Conciata, certi giorni, come una pezza da piedi dalla stanchezza, ma Felice.

Non datemi compassione che non so cosa farmene.
No ho scelto questa vita che per me è un sogno diventato realtà.
Non è un “sacrificio”.
A me come individuo non ho mai smesso di lavorare. Essere una mamma a tempo pieno non preclude la possibilità di coltivare i propri interessi. Si tratta di organizzarsi e di saper scegliere le priorità in funzione di ciò che ci rende Felici, che ci da Gioia.

Io preferisco pasticciare con le mie piccine piuttosto che uscire a fare un giro per negozi. Ma questo anche prima: ho sempre preferito stare a casa, leggere mille mila libri e arrotolarmi sul divano, scrivere, guardare film o serie TV, piuttosto che mettere il naso fuori la porta. Non disdegno lo shopping (oh nossignore), ma non è la mia attività preferita, come non lo è andare a mangiare fuori … o, se è per questo, qualunque attività che comporti l’uscire dal portone di casa 😀

Non sono una mamma che ritiene di “vivere per i figli”, io vivo per me e ho la benedizione di poter condividere la mia vita con delle creaturine meravigliose, impegnative, spassosissime, spaventose, piene d’Amore.

Non voglio che gli altri siano come me.
Vorrei invece che ognuno potesse essere come vuole, desiderare ciò che vuole senza beccarsi sguardi accusatori, di commiserazione o ancora peggio essere riempita di “consigli” non richiesti su come “migliorare la qualità” della propria vita.

Io ho la vita che voglio.

Sono in continuo cambiamento, in continua evoluzione e mai come ora, a 36 anni, mi sento sula strada giusta per incontrare la vera Bianca, mi sento appagata e in linea con me stessa.
Sono soddisfatta del percorso che ho fatto fino ad oggi.
Perché mi devo sentir dire: “Devi uscire! Devi prendere tempo per te!”, “Trovati una brava baby sitter e trovati un lavoro, devi uscire.” … ?
Con tutto il rispetto, ma io vi ho mai detto: “Leggi qualcosa ai tuoi figli! Facci i lavoretti insieme! Invece di lavorare doppi turni per pagare la baby sitter fai un turno solo e stai tu con i tuoi figli!” … ?
Eeehhh no! Perché?
Perché non sono affari miei! Perché TU prendi decisioni che fanno star bene TE e la TUA famiglia!
Perché IO faccio le scelte che fanno star bene ME e la MIA famiglia, non quelle che vanno bene ai membri della società in cui vivo; e visto che “non fare agli altri ciò che…”, io taccio.
Sono io a guardarmi ogni giorno allo specchio. Sono io a convivere con le conseguenze delle mie scelte.
A voi cosa vi cambia se li faccio o no i lavoretti con le mie bambine?
Non ve lo racconto neanche, quindi non sono di quelle mamme che si vantano di tutte le fantastiche attività che fanno con i loro poveri sovraffaticati figli.
Non mi lamento, non mi vanto, eppure mi becco i consiglioni lo stesso …

Insomma bimbe mie io Amo essere la vostra mamma. Sono felice della persona che sono. Ho un bellissimo rapporto d’Amore e Amicizia col vostro papà e sto anche lavorando al mio futuro lavorativo. Curo la mia vena artistica ogni volta che posso e sono pienamente soddisfatta di dove mi trovo in questo momento della mia vita.
Grazie per accompagnarmi in questo tratto di strada. Spero solo di essere all’altezza delle mie aspettative quando sarete più grandi e avrete bisogno di un altro tipo di mamma. Spero di evolvere insieme a voi e di crescere insieme a voi.

Non sono perfetta, non assomiglio nemmeno lontanamente alle mamme Mulino Bianco; io sono io, sono Bianca, e sono anche la mamma di Serena e Maya e va bene così.

Io Ci amo, a tutti; anche a te che stai leggendo questa specie di lettera alla mia famiglia futura.
Sono giorni duri, intensi, pieni di piccoli cambiamenti che ci stanno portando “là”.
Grazie.

Amore per tutti, sempre e comunque nonostante le circostanze.
Buona vita!
Bianca*

Annunci

Read Full Post »

Pensa te … l’ultima volta che ho scritto su questo blog non ero nemmeno incinta. Stavo ancora abituandomi a Serena, alla mia vita in Trentino, stavo organizzando una vita non più scandita dalle poppate … e domani avrai già 5 mesi! …

Non credevo di poter avere la fortuna di avere figli, poi, dopo 8 anni, arriva Serena. Con una statistica simile non avremmo mai e poi mai neanche lontanamente immaginato di avere un altro bebè, e nella improbabile eventualità non credevamo di avere un’altra bambina e invece ecco Maya!

A 23 mesi di distanza una dall’altra. Una pazzia, se fosse stato programmato! Essere incinta e avere una bimba di meno di un anno e mezzo da accudire non ha nulla da invidiare ad un allenamento per il Triathlon!

Lo ammetto sapere di essere incinta mi ha, a dir poco, shockata. Ero senza parole. Ho avuto una Paura matta che mi è scoppiata dentro in un attimo. Avevo avuto degli avvertimenti … ma ne riparlerò in un altro articolo. Non ho pensato nemmeno per un attimo di abortire. Semplicemente non ce la potevo fare nemmeno a pensarci. Ma lui senza lavoro, io già non trovavo lavoro figuriamoci incinta! Sono andata nel panico. Non riuscivo a non piangere. Sentivo un profondo senso di colpa di cui, ancora adesso, non so spiegare l’origine. Se poi mettiamo in conto che l’idea di partorire di nuovo mi terrorizzava (e mi terrorizza ancora!!!), ero un calderone di ormoni, pensieri ed emozioni sovraccariche. Grazie a Dio c’era Christian vicino a me. A lui ho potuto dire tutto quello che c’era nel mio cuore e nella mia testa. Ho condiviso con lui il peso che avevo dentro e grazie a lui sono riuscita a Vedere, un po’ alla volta, con pazienza, assenza di giudizio e Amore che Regalo ci stava facendo la Vita.

Questo 2013 è stato un anno pieno di avvenimenti e cambiamenti radicali nella mia vita e il fatto è che ho la netta sensazione che il 2014 non sarà da meno.

Alla prima ecografia “consapevole” ero emozionata perché la domenica avevo parlato con mia nonna materna (dalla lontana Venezuela) e le avevo detto che il martedì avrei fatto l’ecografia e che probabilmente si sarebbe vista abbastanza bene, quindi che si preparasse che avremmo fatto una bella video chiamata nel pomeriggio.

Esco dall’ospedale e trovo diverse chiamate di una mia cugina sullo Skype di Christian. Non riusciamo subito a comunicare, finché riesco a parlarle e mi dice: “Bianca, mira que la abuela Hulda muriò” (“guarda che la nonna Hulda è morta”) …

Il 19 febbraio 2013 ho visto per la prima volta la forma di mia figlia e ho perso mia nonna.

Per motivi che lasciamo perdere, il lavoro ci ha fatto tornare in Campania dalla famiglia d’origine. Una scelta per niente facile, ma accurata e senza rimpianti. Il Trentino lo porterò per sempre nel mio cuore. Sono stata davvero Bene là. Mi manca tanto, lo ammetto.
Ma sto bene anche qui a Teggiano. Le mie bambine sono circondate da nonni, parenti, amici, cugini … bellissimo! E anche noi, dopo tanti anni stiamo facendo “vita sociale” con famiglia e amici ritrovati 🙂

… Uau, ci sono fin troppe cose da raccontare di questo 2013. Fermiamoci qui altrimenti queste ore che le mie bimbe mi hanno regalato per riposare le potrei passare tutte qui sopra!

Grazie!
Grazie! Grazie, a tutti quelli che ci sono stati, che ci sono e continuano ad esserci nelle nostre pazze vite!
Grazie a tutti quelli che hanno partecipato e a tutto ciò che ha partecipato.
Che cambiamenti… Uau!

Read Full Post »